24 Hour Pizza People: il bookmagazine semestrale fondato da Berberè, diretto da Martina Liverani di Dispensa.

Un progetto editoriale originale, spazio culturale di narrazioni sulla pizza, le città, l’arte e la contemporaneità.

Da una idea dei fratelli Aloe di Berberè, l’insegna di pizzerie che dal 2010 propone pizza artigianale da lievito madre vivo. Oggi Berberè, presente in Italia con 9 locali e a Londra con 2, dopo aver contribuito ad un nuovo corso del mondo della pizza, lancia il progetto di mettere su carta ciò che le pizzerie fanno come luogo fisico, ovvero tessere intrecci di relazioni urbane, persone, luoghi, immagini e leggende metropolitane. Un magazine ma anche una guida per scoprire l’anima più contemporanea delle città.

Il titolo è un chiaro omaggio al film cult 24 Hour Party People di Michael Winterbottom. Come la pellicola coglie lo spirito dell’epoca, tra anarchia e creatività, raccontando la rivoluzione dell’etichetta discografica indipendente Factory Records, così il magazine si propone di narrare il grande fermento di questi anni attorno al mondo della pizza: piatto povero simbolo dell’italianità nel mondo, oggi al centro di una rivoluzione anche culturale.

Il magazine, diviso in 8 rubriche per una centinaio di pagine, in italiano e inglese, è affidato alla direzione editoriale di Martina Liverani, giornalista freelance, creatrice e direttrice responsabile della foodzine Dispensa e l’art direction dell’agenzia di comunicazione Comunicattive.

24 Hour Pizza People: The biannual publication curated by Martina Liverani, editor of Dispensa, inspired by an idea from Berberè.

This editorial project was inspired by the Aloe brothers of Berberè, one of Italy’s best pizzerias, with the editorial direction of Martina Liverani, creator and director of Dispensa, a publication launched in 2013 and winner of numerous international awards.

The objective is to tell the story of all that revolves around the culture of pizza, it’s also a guide to the city which is primarily social connection, through the intersection of relationships, people, places, images and urban legends. Each issue, published every six months, will focus on a particular Italian city. It’s not just a magazine, then, but also a young and colorful guide to discover the modern soul of our urban centers.

The title is a clear homage to the cult film 24 Hour Party People by Michael Winterbottom. As the film captures the spirit of the era, between anarchy and creativity, telling the story of the revolution of the independent label Factory Records, so, too the magazine aims to narrate the current buzz around the world of pizza: a poor dish that symbolizes Italianness in the world, and is today the center of a cultural Revolution.

The magazine – comprised of 100 pages divided into 8 sections – was created under the art direction of the communication firm Comunicattive. The first edition, available at Berberè and Radio Alice Restaurants, is of course focused on Bologna, the birthplace of Berberè.

Info: info@berbere.it

Editore Dispensa Srl – Faenza